Ambizioni


Quello che davvero si capisce dallo scontro tra Fini e Berlusconi è che il Paese ha bisogno di un’agenda. Si tratterà poi di capire se saranno grandi riforme o piccoli aggiustamenti. Intanto perchè non sappiamo ancora se tre anni bastano per sconfiggere il cancro, poi perchè il progetto delle centrali nucleari è già stato ridotto ad una (e chi ne sa dice che neanche quella si può fare).

Rimane da capire se si potranno ridurre le tasse (ma nel frattempo cresce il costro dell’energia e quindi siamo di nuovo in ritardo). Per il resto basterebbe capire se si faranno nuove province o se le aboliremo; se la Fiat applicherà il piano b oppure se vedremo l’auto italiana sempre più straniera (anche Ferrè ormai non sarà più un marchio sicuramente nostrano).

Infine le cartucce si spareranno sotto elezioni: qualche ingresso in graduatoria, qualche infornata di docenti che non ce l’ha (mai) fatta e mance a piggia per agguantare quel che si può o risarcire chi proprio non ha avuto nulla. Al netto di un paio di un paio di scioperi sembra non manchi nulla per la gloria di questa legislatura.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...