Hans Magnus Enzensberger e la noia di andare a scuola


Ottimo pensiero laterale di Enzesberger ripreso da Luca De Biase:

Una serata a Pordenone con Hans Magnus Enzensberger, maestro di conversazione. Ascolta tutti come se volesse assorbire ogni parola e poi spara i suoi pensieri laterali.

Sull’educazione ha un’intuizione. «Non è possibile che la scuola sia davvero decisa sa un ministero. Col risultato che è noiosa. Io farei un’educazione basata su contratti tra educatore ed educando… Tipo: prima regola, tu non mi annoi; seconda regola, io non annoio te; terza regola, se qualcuno si annoia ha il diritto di protestare…».
Non è solo divertente, come idea. Perché non è soltanto un sistema per far passare il tempo facilmente agli studenti e ai professori. È anche un contratto. E il contratto educa. Infatti, Enzelsberger va avanti suggerendo altri contratti, dimostrando dunque che è questo il concetto attorno al quale vorrebbe concentrare la riflessione educativa: «Altra regola: io devo difenderti, e tu devi difendere me… Come facciamo?». L’educazione alla consapevolezza della qualità della relazione, in vista di un obiettivo comune… come difendersi… Secondo me c’è un’intuizione forte, qui, anche se ovviamente in una battuta non poteva essere sviluppata.
Annunci

Un pensiero su “Hans Magnus Enzensberger e la noia di andare a scuola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...