Festa del papà in Italia e nel mondo. Il ruolo e l’importanza della paternità


Oggi è il 19 Marzo, e in molti Paesi di tradizione cattolica, tra cui l’Italia, ricorre la Festa del Papà.

Sembra, tuttavia, che la prima volta in cui venne festeggiata la figura del padre fu il 9 luglio 19o8, in West Virginia (Stati Uniti), presso la chiesa metodista della cittadina di Fairmont.  Due anni dopo, la signora Sonora Smart Dodd, pur non essendo a conoscenza della celebrazione di Fairmont, sollecitò l’ufficializzazione del festeggiamento della figura paterna, organizando la festa il 19 giugno 1910 a  Spokane, Washington. Scelse il mese di giugno, perché era quello in cui era nato suo padre.

Ancora oggi, negli Stati Uniti e in vari Paesi che seguono la tradizione statunitense, la festa si tiene la terza domenica di giugno:

Argentina, Antigua e Barbuda, Bahamas, Bangladesh, Bulgaria, Canada, Cile, Cina, Colombia, Barbados, Cuba, Cipro, Repubblica Ceca, Ecuador, Francia, Ghana, Grecia, Guyana, Ungheria, India, Irlanda, Giamaica, Giappone, Malesia, Malta, Mauritius, Messico, Paesi Bassi, Pakistan, Panamá, Paraguay, Perù, Filippine, Porto Rico, Saint Vincent e Grenadine, Singapore, Slovacchia, Sudafrica, Sri Lanka, Svizzera, Trinidad e Tobago, Turchia, Regno Unito, Ucraina, Stati Uniti, Venezuela, Zimbabwe.

In molti Paesi di tradizione cattolica, invece, la festa ricorre il 19 marzo, in corrispondenza del giorno di san Giuseppe, padre putativo di Gesù:
Bolivia, Honduras, Italia, Liechtenstein, Svizzera (Canton Ticino), Andorra, Portogallo, Spagna (Día del Padre).

Nella tradizione popolare, San Giuseppe protegge anche gli orfani, le giovani nubili e i più sfortunati. In accordo con ciò, in alcune zone della Sicilia, il 19 marzo è tradizione invitare i poveri a pranzo.

In altri posti la festa coincide con quella di fine inverno, per cui si celebrano riti propiziatori, si brucia l’incolto sui campi da lavorare e sulle piazze si accendono falò da superare con un balzo.

In alcune regioni dell’Italia centro-meridionale, il dolce per questa festa è la zeppola dalle origini antico romane: accompagnava la festività dei Liberalia, che si teneva nello stesso periodo dell’anno. La Zeppola di San Giuseppe è tipicamente campana, della zona vesuviana; il nome infatti trae origine dal comune di San Giuseppe Vesuviano.

In altri Paesi del mondo, la festa è associata ai padri nel loro ruolo nazionale. In Russia, ad esempio, la festa è celebrata il 23 febbraio, come festa dei difensori della patria; in Danimarca, invece, si festeggia il 5 giugno, giorno dedicato alla Costituzione.

In Germania, la festa del papà ricorre nel giorno dell’Ascensione, ovvero nel giorno in cui, secondo il Nuovo Testamento, Gesù sarebbe asceso al cielo: quaranta giorni dopo la sua morte e resurrezione.

La Corea del Sud ha l’8 maggio come Giorno dedicato ai Genitori. In maggio, il 5, festeggia il papà anche la Romania.

Altri Paesi che festeggiano in giugno:

Lituania (prima domenica); Austria, Belgio e Costa Rica (seconda domenica); El Salvador e Guatemala (17); Siria e Libano (21); Polonia, Nicaragua e Uganda (23); Haiti (ultima domenica del mese).

In luglio festeggiano, invece:

Uruguay (seconda domenica); Repubblica Dominicana (ultima domenica).

In agosto:

Brasile (seconda domenica) e Taiwan (8 agosto).

A settembre:

Australia e Nuova Zelanda (prima domenica); Lettonia (seconda domenica); Nepal (Luna Nuova di settembre).

Il Lussemburgo festeggia nella prima domenica di ottobre.

Nella seconda domenica di novembre festeggiano il papà:

Estonia, Finlandia, Svezia, Norvegia e Islanda.

Ultima in senso temporale è la Tailandia, che celebra la festa del papà il 5 dicembre.

Qualunque sia il giorno dedicato ai papà nel mondo, è bello che lo si ricordi. Ma, al di là di un regalino, un biglietto di auguri, o di un pensiero rivolto al proprio genitore, bisogna ricordare che, oggi, finalmente, la paternità sta conquistando sempre più il giusto riconoscimento che merita. A tal proposito, ecco alcuni siti dedicati specificamente ai padri e alla paternità:

Padri.it   (sito della prima Associazione Padri Separati d’Italia, fondata con atto notarile nel 1991)

Padri ad Ore  (interessante sito, il cui slogan è: Non c’è nulla che una donna possa fare per i propri figli che non possa fare anche un uomo, tranne partorirli. Si occupa di problemi legati alla discriminazione nei confronti dei padri, alla violazione dei diritti costituzionali dei genitori di sesso maschile, e di tutto ciè che questo può provocare nei figli.)

I.S.P. Istituto Studi sulla Paternità ( associazione con fini scientifici e culturali, fondata nel 1988, che si propone di “promuovere lo studio della paternità con particolare riguardo agli aspetti psicologico, pedagogico, sociale, biologico, storico, giuridico” e di “tutelare e valorizzare funzioni e ruoli paterni nella società, stimolando su questo tema una nuova sensibilità sociale“).

3 thoughts on “Festa del papà in Italia e nel mondo. Il ruolo e l’importanza della paternità

  1. Pingback: Festa del papà in Italia e nel mondo. Il ruolo e l’importanza della paternità | Feedelissimo

  2. Pingback: Ceca – Maskarada (BALKAN TUNES #13) « ColdSip.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...