Se facebook batte google


In teoria non può parlarsi di una concorrenza diretta. Ma di un fatto da pesare per capire le tendenze della rete. Facebook scavalca google, cioè è più visitato del famosissimo motore di ricerca. Un fatto da comprendere appieno. Si passa da un universo indistinto ad un bisogno di selezione e di limitazione. Facebook la nuova frontiera di una rete regolata dove la relazione scelta e voluta è più importante di una conoscenza indistinta e di massa.

Una tendenza che forse coglie google di sorpresa e dove non c’è sorpresa c’è impotenza. Google Buzz non piace. E poi non è indispensabile. Facebook ci tiene in un ambiente più familiare, meno esposto ad intrusioni indesiderate, disciplinato da regole semplici e non continuamente da reinventare.

Se facebook batte google vuol dire dire che dalla realtà che entra in rete siamo ora alla rete che spinge per entrare in facebook. E ci devi entrare perchè altrimenti non esisti, perchè altrimenti sei fuori da un mondo dove sei considerato, riconosciuto e apprezzato per qualsiasi cosa dici. Credo che questa sia una nuova frontiera, un mondo con regole precise, dove è tracciabile il tuo comportamento, dove ogni novità viene sottolineata e amplificata. Dove “tenersi sentiti” è semplice come dirsi addio e poi ritrovarsi perchè il numero di amici indica influenza e considerazione.

Alla rete serve davvero facebook? Facebook sembra affetto da bulimia: risucchia attenzioni ed energie, mangia distanze e barriere e coglie aspetti diretti della persona che può sentirsi libera di proporsi ad intimi o affini testando il proprio successo e il proprio seguito.

Ora per google e facebook la sfida potrà essere su ricavi e utili. Ma questo non importa a chi usa il computer come strumento di libertà o di informazione. Quello che emerge è la voglia di rifugiarsi delle persone, un modo pigro quanto utilitaristico di sfruttare la tecnologia ignorando quanto non piace e condividendo quanto si sente proprio. Ecco: facebook fa sentire mio un legame, un’amicizia, una foto, un video, una comunità. L’esperienza di uno è l’esperienza del suo gruppo. A google chiedo quello che non so, a cui mi avvicino con sospetto e che prendo per buono in mancanza d’altro. Però è una cosa che non mi appartiene. Se la voglio, la porto in facebook.

Annunci

3 thoughts on “Se facebook batte google

  1. Pingback: Facebook Login » Se facebook batte google « Loriscosta's Weblog

  2. Pingback: Se facebook batte google | Feedelissimo

  3. Ricordo quando si dicevano queste cose dei telefonini e poi del computer e poi di googol,si è detto tutto ed il contrario di tutto. Basta usarli come strumenti e come mezzi, sono io che uso loro e non loro che usano me. A me fanno sorridere quelli che ogni santa domenica lavano da cima a fondo l’automobile ed impazziscono se scoprono una piccola graffiatura;sono io che uso l’auto e non è l’auto ad usare me,certo la lavo ogni tanto ma anche se trovo una graffiatura vivo ugualmente anche se non la porto immediatamente dal carrozziere.I tutto si riduce all’uso che si fa e non all’abuso!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...