Storie di resistenza quotidiana


ROMA, 17 febbraio (Reuters) – L’agricoltura biologica può diventare uno strumento per la lotta alla mafia in Sicilia, come la ricotta “pizzo free”, senza che per produrla sia stata pagata la “protezione” della criminalità organizzata.

E anche vivendo sotto scorta si può fare informazione libera, in tv, a Partinico, in terra mafiosa.

Sono alcune delle vicende che racconta “Storie di resistenza quotidiana”, un documentario realizzato da un regista romano e da una scrittrice palermitana e dedicato a un altro aspetto, forse meno noto, della lotta alla mafia. Non quello delle operazioni di polizia, ma delle iniziative antimafia condotte da gruppi di cittadini, imprenditori e giornalisti in Sicilia.

“Storie”, che Reuters ha potuto vedere in anteprima, è stato girato tra Palermo e alcune zone dell’Alto Belice in tecnologia Hd, nel corso di oltre un anno di lavoro da Paolo Maselli, regista e montatore 45enne, e dalla scrittrice 40enne Daniela Gambino.

Il documentario è composto in gran parte di interviste, e l’atmosfera che lo pervade è il contrario di quella che si potrebbe attendere da un’opera sulla mafia. Più che la tensione, infatti, prevale l’ottimismo di chi pensa in fondo che “un’altra Sicilia è possibile”, soprattutto se si comincia a considerare il lavoro come il più efficace strumento di resistenza al regime mafioso.

Ecco dunque che sui terreni confiscati alla mafia sorgono le cooperative di “Libera terra”, che hanno scoperto nell’agricoltura biologica una nicchia economica importante.

Ecco il marchio “pizzo free” — che ricorda quello “Ogm free” — lanciato dai giovani che hanno promosso una clamorosa azione mediatica contro le tangenti pagate ai mafiosi, iniziando a mobilitare i cittadini-consumatori, in nome dello slogan “Un popolo che non paga il pizzo è un popolo libero”. Con tanto di botteghe che stanno spuntando in tutt’Italia, sulla falsariga dei negozi di prodotti equo e solidale, o sugli scaffali dei supermercati Coop.

Oppure, c’è la storia dell’impresa di latticini, in parte controllata da un boss mafioso, che ha rischiato la chiusura, ma che grazie a commissari liquidatori “illuminati” è riuscita a non licenziare alcun dipendente e a migliorare la produzione.

Ma “Storie di resistenza quotidiana” dà anche voce all’imprenditore di mobili per la scuola che spiega perché un tempo pagava la mafia — una piccola somma affidata ogni mese a un uomo che era divenuto quasi intimo, che gli portava addirittura il figlio a farsi spiegare perché nella vita è importante studiare — e per quale motivo invece oggi bisogna subito denunciare chi chiede il pizzo. O ancora, l’attore Giulio Cavalli, che nei suoi spettacoli prende in giro i mafiosi e per questo è sotto scorta.

E nel film di Maselli e Gambino trova spazio anche Pino Maniaci, anima e direttore di TeleJato, finito alla ribalta per una vicenda kafkiana. Impegnato da anni contro la mafia e la corruzione nelle amministrazioni pubbliche, e per questo sotto scorta, qualche mese fa è finito sotto processo perché non era iscritto all’Ordine dei giornalisti.

In “Storie di ordinaria resistenza” Maniaci impersona davvero il ruolo del mattatore antimafia, e la sua esperienza sembra veramente suggerire che talvolta una risata può seppellire anche i mafiosi.

2 thoughts on “Storie di resistenza quotidiana

  1. Pingback: &raquo Storie di resistenza quotidiana - Gregnotizie

  2. Pingback: Storie di resistenza quotidiana | Feedelissimo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...