Lega il figlio per lavorare


Sicuramente sapete già tutto di questa vicenda. Ma per quanto comune possa essere una “notizia” – nel senso che qui o in Cina chissà quante storie simili e altrettanto meritevoli di attenzione ci sono – io credo che questo sia un fatto triste e rivelatore.

Se sono vere le parole dei genitori del piccolo, il loro amore è immenso. Un amore unito ad una profonda dignità che rende questa storia una testimonianza forte dell’idea di famiglia che è unita da sentimenti autentici e da forte senso di responsabilità. Io, che sono e resto contrario alle collette e agli appelli più disparati, darei una giornata del mio lavoro per questa famiglia. Da Hai Sentito:

Chen Chuanliu: lavoratore cinese lega il figlio per lavorare

Pubblicato da patchi in Asia, Esteri, Lavoro.
Venerdì, 5 Febbraio 2010.

Chen Chuanliu Bambino

<!–div>Foto "Chen Chuanliu Bambino"</div–>

Questa triste storia che vi raccontiamo oggi arriva dalla Cina e riguarda un piccolo bambino di due anni che viene legato ogni giorno dai genitori ad un palo, perche’ devono lavorare e non hanno i soldi per pagare un asilo nido, dove lasciare il piccolo quando loro sono impegnati con il lavoro. Chen Chuanliu e’ un autista di riscio’ abusivo di 42 anni ed e’ il padre di questo bambino, le cui immagini della nostra galleria fanno davvero tenerezza. La moglie e’ disabile e trascorre le sue giornate a raccogliere rifiuti nell’immondizia, per cercare di mandare avanti la famiglia. E mentre i due genitori sono al lavoro, il piccolo bambino, Lao Lu, viene incatenato ad un lampione.

La polizia ha scoperto questa situazione e non crede alle parole della coppia, che si e’ difesa: i genitori hanno infatti detto di averlo fatto perche’ il mese scorso un’altra figlia, di 4 anni, era stata rapita. In questo modo sono certi di ritrovarlo quando ritornano dalle loro occupazioni: “Legarlo è l’unico modo per non perderlo perché noi non ci possiamo occupare di lui“, queste le parole della madre, che racconta di come l’altra figlia e’ scomparsa. “Non ho neanche una foto di mia figlia per fare un poster che mi aiuti a ritrovarla. Non posso perdere così anche lui“. Non possono metterlo in un asilo, perche’ con quel poco che guadagnano, pochi euro al giorno, non possono permetterselo.

In queste immagini, che accompagnano la denuncia fatta alle autorita’ ai danni del padre, immigrato giunto dal Szechuan, il piccolo si trova fuori da uno shopping center a Liangxiang. Secondo il racconto dei genitori, pur di poter crescere il loro bambino, avrebbero rifiutato una grossa somma di denaro, che uno sconosciuto avrebbe dato loro per adottarlo.

Immagini prese da:
http://www.repubblica.it
http://www.dailymail.co.uk
http://www.tgcom.mediaset.it
http://www.lastampa.it
.

2 thoughts on “Lega il figlio per lavorare

  1. Pingback: Cina, incatena il figlio e va a lavorare | speciale in Liquida

  2. Pingback: Lega il figlio per lavorare | Feedelissimo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...