La figuraccia di Alfano


Il Popolo Sovrano:

Il ministro della Giustizia Angelino Alfano, che io ho soprannominato Zerbino non solo per l’assonanza con la parte finale del nome ma soprattutto per il ruolo che svolge nel Governo cioè firmare le leggi ad personam scritte dagli avvocati del premier, si è reso protagonista di una figura abbastanza spiacevole qualche giorno fa.
All’inaugurazione dell’anno giudiziario il ministro ha zittito i magistrati, che protestano contro la legge sul processo breve, dichiarando che “il Parlamento è l’unico potere legittimato a selezionare tra le possibili soluzioni normative quella ritenuta più utile al Paese” e ricordando le polemiche sulle riforme che “sono state talvolta poco rispettose dell’autonomia del Parlamento.
La gaffe è che poco dopo questa lezione sulla Costituzione italiana Angelino ha concluso il suo discorso dicendo “Ora dichiaro aperto l’anno giudiziario”, mostrando di essere un ministro improvvisato, finto, dato che non tocca al ministro dichiarare aperto l’anno giudiziario, ma al presidente della Corte d’appello. Presidente della Corte, Canzio, che ha proprio ripreso il ministro con sottile ironia:Fino a quando non vi sarà una riforma in tal senso, l’apertura dell’anno giudiziario la dichiara il presidente della Corte…”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...