Il futuro della biblioteca europea di informazione e cultura


(Arcipelago Milano):

Ricordando a distanza di anni, eravamo nel 2001 ma pare un secolo fa, le tre “I” di Berlusconi – Inglese, Informatica, Impresa – come linee guida per la modernizzazione del Paese e pensando a cosa è successo dopo di allora, dall’11 settembre allo scoppio della bolla finanziaria, per arrivare a oggi, ci rendiamo conto che il percorso della modernizzazione non passa tanto dalle tre “I” quanto dalla cultura generale dei suoi cittadini e quest’ultima passa necessariamente anche attraverso il sistema delle biblioteche pubbliche. C’è una particolarità in più: tra le tante “modernizzazioni” quella delle biblioteche sembra essere una delle più necessarie in un sistema d’istruzione-formazione-ricerca che forse più di ogni altro ha visto l’ingresso di tecnologie innovative e di cambiamento quantitativo e qualitativo della domanda. A Milano è dal 1996 che si parla di una grande biblioteca che metta la nostra città al passo con le altre città europee. Sono cambiate le Giunte, sono cambiati i governi, c’è la grande opportunità dell’Expo e forse dopo ventun anni vedremo la nuova BEIC, la Biblioteca europea di informazione e cultura.

Abbiamo chiesto al professor Antonio Padoa Schioppa, presidente della fondazione BEIC, di rilasciarci un’intervista per questo numero di Arcipelagomilano. Ma non è solo di BEIC che si deve parlare e mi sono fatto guidare dal Dottor Massimo Belotti, direttore della rivista Biblioteche oggi e grande esperto del settore, per capire a che punto è la nostra città. «Milano non è messa poi così male dal punto di vista delle sue biblioteche, a partire dalla principale, la Biblioteca Sormani ma va subito detta una cosa: il nostro sistema, in particolare quello delle biblioteche rionali, è figlio del ‘900 , è insomma il modello della biblioteca popolare del glorioso riformismo turatiano come strumento sì di cultura ma soprattutto di emancipazione sociale. Oggi – dice Belotti- l’orientamento è di andare verso le Public Library di modello anglosassone, non più l’austero tempio del sapere ma anche un accogliente luogo di socializzazione e d’informazione e persino di supporto informativo per le necessità della vita quotidiana di lavoro e di svago.

Le biblioteche del terzo millennio hanno lasciato alle spalle il ‘900. » . In questa direzione quelle di più recente realizzazione, fatta eccezione per la Valvassori Peroni da poco inaugurata, sono tutte nell’hinterland e sembra quasi stringano d’assedio la vecchia struttura milanese forte delle sue 24 biblioteche rionali e dei suoi 500 mila volumi. Come sempre nel nostro Paese sono le strutture periferiche e territoriali quelle nelle quali si nasconde l’impegno culturale e civile e così anche i bibliotecari e i direttori si affannano a tener dietro ai tempi pur con strutture inadeguate: la migliore declinazione italiana dell’arte di arrangiarsi.

Ma per finire, quale potrebbe essere il destino della Sormani, dopo l’arrivo della BEIC? «Potrebbe diventare – dice Belotti – la biblioteca del ‘900 e soprattutto quella della cultura milanese, giocata in parte sulla sua grande raccolta di periodici – 20 mila di cui 8 mila testate consultabili – e comunque forte di 800 mila volumi e di migliaia di documenti audiovisivi.». Ci sono tuttavia molte nuvole all’orizzonte di un Paese come il nostro che pensa di essere uscito dalla crisi perché gli indicatori della politica economica – ripresa degli ordini e miglioramento della domanda – sono positivi. Il gettito fiscale è in decrescita e la disoccupazione fa diminuire dunque le risorse finanziarie: sopravvivrà la BEIC alla stretta? Milano non può comunque rinunciare ad avere una biblioteca adeguata ai suoi bisogni anche senza forse pensare a una struttura tanto impegnativa, soprattutto sul versante della gestione, quanto la BEIC.

Non esistono in ogni caso strumenti alternativi alle biblioteche sulla strada della modernizzazione, soprattutto quelle pubbliche e generaliste, aperte a tutti dai bambini di 1 anno – leggere prima di leggere – agli anziani. L’hinterland è andato avanti e forse anticipa con le sue biblioteche la grande Milano dei servizi ai cittadini.

One thought on “Il futuro della biblioteca europea di informazione e cultura

  1. Tommaso Padoa-Schioppa, uomo di valore nelle scienze economiche e finanziarie, un cittadino che merita di essere ricordato come autentico fervente praticante e credente nell’Europa, come sostenitore delle culture del vecchio continente e perciò la città di Milano con la Beic – Biblioteca Europea di Informazione e Cultura – deve ereditarne il nome e la figura.
    Stato, Regione e Comune hanno il dovere di associare al cordoglio il ricordo del pensiero della persona di vasta cultura che, insieme al fratello Antonio, ha creduto nella creazione della BEIC. Le istituzioni si attivino con maggiore impegno per sostenere la realizzazione di questa ” solida infrastruttura ” nell’area della dismessa Stazione di Porta Vittoria di Milano in tempi concreti – entro l’ Estate 2015 – Non è un sogno ma una realtà ancora possibile. il progetto è pronto dal 2001 e l’area dal 2007.
    Milano 19 GIUGNO 2011

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...